itzh-CNenfrdejarues

porto vecchio

Porto Vecchio Corsica

Porto Vecchio è un comune francese di 11.309 abitanti situato nel dipartimento della Corsica del Sud nella regione della Corsica. Di origine genovese, Porto Vecchio è la terza città della Corsica dopo Bastia e Ajaccio e si trova nella parte meridionale dell'isola. La sua costruzione è stata pianificata dalla Repubblica di Genova nel 1539 e, negli anni successivi, la cosiddetta "Cittadella" è stata più volte distrutta e ricostruita.

 Oggi la Cittadella si presenta con case e vicoli di pietra, soprattutto porfido, ed è circondata dai bastioni. Arroccata su un promontorio che raggiunge i 900 metri sulla sommità del massiccio dell'Ospedale si trova una frazione del paese costruita come un villaggio di montagna. 

Intorno al porticciolo turistico si è sviluppata la "Marina", che illumina il golfo con ristoranti, bar, locali e appartamenti sul mare. Circondata da una vegetazione tipicamente mediterranea con uliveti centenari, è una delle località turistiche più frequentate dell'isola. Alcune delle spiagge più rinomate della Corsica, come Palombaggia e Santa Giulia, si trovano a pochi chilometri dal paese. 

spiagge porto vecchio spiaggia palombaggia
golfo di santa giulia spiaggia cala verde

Le montagne situate in prossimità della città includono una riserva naturale, la Foresta dell'Ospedale, meta di escursioni. Confina con il comune di Zonza attraverso il passo della Bocca d'Illarata e il passo della Bocca di Pelza lungo la strada D 368.

La città di Porto Vecchio è stata teatro di molte avventure nel passato. E' un posto diverso che i genovesi non sono mai riusciti a prendere, a differenza di quanto successe con le altre. Ma non grazie a forze militari invincibili, ma come conseguenza delle malattie. La città è stata costruita su una palude, e la malaria, diffusa dalla presenza di molte zanzare in città, ha impedito agli invasori di adattarsi all'ambiente. Naturalmente quell'epoca è ormai passata e, attualmente, Porto Vecchio accoglie molti turisti. E' infatti una delle mete più popolari dalle star. L'unica cosa tipica dell'impero genovese sono le finestre che si aprono dal basso, la muraglia ed i bastioni. Il centro di Porto-Vecchio continua ad esercitare un certo fascino ... Passeggiare per le sue stradine è un vero piacere! Degno di nota è il fatto che la maggior parte delle case non sono più alte della muraglia in cui sono state costruite le abitazioni. Solo un palazzo è più alto: si tratta di un palazzo romano, della famiglia Savelli, molto importante a Porto Vecchio, per cui gode di questo privilegio! Il centro storico riserva molte sorprese. 

La porta genovese di Porto Vecchio, uno dei resti della cittadella con bastioni, è una delle poche vestigia dell'impero genovese che sono rimaste in città. In effetti, i genovesi non sono rimasti per lunghi periodi di tempo in questa zona, respinti dalle condizioni di vita del territorio. Essendo la città costruita sulle paludi, le epidemie trasmesse dalle zanzare spesso contribuivano a spaventare il nemico. L'unica ben conservato della città è la porta d'ingresso. E 'facile da trovare quando si cammina per le vie storiche della città, e sentitevi liberi di fermarvi a guardare entrambi i lati della porta, molto diversi l'uno dall'altro. Anche il panorama che si vede attraverso la porta è a affascinante ... Si possono vedere le saline di Porto Vecchio che hanno dato alla "città del sale" il suo soprannome: le paludi sono state trasformate in 35 ettari di saline, che hanno liberato la città dall'epoca delle epidemie.

porta genovese porto vecchio

Gastronomia

La gastronomia e i prodotti tipici di Porto Vecchio sono in linea con la cucina della Corsica che ha molto in comune con la cucina italiana e soprattutto con la cucina ligure e quella toscana a causa della secolare dominazione delle Repubbliche di Genova e di Pisa.

La carne costituisce l'ingrediente dei piatti principali, a partire dalla famosa salumeria corsa: prisuttu, prosciutto essiccato per 18 mesi, il lonzu, filetto di maiale affumicato e conservato sotto uno strato di grasso, il ficatellu, salsiccia di fegato che viene servita grigliata, il salamu, una salsiccia secca speziata, il fromage de tête, ricavato dalle cervella stagionate, e lo stufatu, sformato di lasagne con varie carni. Sulla costa si potranno gustare ottimi pesci e frutti di mare, dai ricci alla murena grigliata, alle sarde farcite al brocciu, alle aragoste del golfo di Saint-Florent o alle ostriche, oltre a l'aziminu.

I formaggi corsi sono rinomati almeno quanto i salumi. Il brocciu, forse il più conosciuto, è un formaggio fresco a base di latte di pecora o di capra e prodotto secondo una ricetta tradizionale. Un altro ottimo piatto è la pulenta di castagne. Negli ultimi anni c'è stata una vera riscoperta degli antichi sapori legati a questo frutto, che in passato è stato tanto prezioso per la sopravvivenza nell'isola. Tra i dolci più noti vi sono i canistrelli, il fiadone, il pastizzu e le imbrocciate.