itzh-CNenfrdejarues

 

Calvi Corsica

Calvi (in corso e in ligure Calvi) è un comune francese di 5.486 abitanti situato nel dipartimento dell'Alta Corsica nella regione della Corsica, sede di sottoprefettura dipartimentale. Si trova sulla punta nord-occidentale della Corsica e vi è collocata la stazione meteorologica di Calvi, riconosciuta dall'Organizzazione meteorologica mondiale.

 

Storia

Abitata già nel neolitico dal popolo corso dei Cervini, anche se solo sotto l'imperatore Tiberio venne abitata stabilmente. La città venne distrutta prima dai Vandali e poi, definitivamente, dai saccheggi saraceni. Nel 1268 un vassallo corso di Genova, Giovaninello de Loreto, la rifondò, colonizzandola con famiglie liguri; anche Calvi, come Bonifacio, ottenne dei privilegi dalla signoria genovese per la sua fedeltà alla repubblica, fedeltà che appare ancora nel suo motto (Civitas Calvi semper fidelis, La città di Calvi sempre fedele).
 
 
La città fu fortificata da Giovanni degli Avogari, in quanto serviva più come punto d'appoggio militare che come porto e si conquistò la fama dell'inespugnabilità. Nel 1553 venne congiuntamente assediata da turchi e francesi, ma non cadde. Nel 1757 resistette a Pasquale Paoli. Nel 1768 fu l'ultima città della Corsica a entrare a far parte della Francia. Nel 1793-4 fu una roccaforte francese contro Pasquale Paoli, infatti vi si rifugiò Napoleone Bonaparte nella Maison de la Gendarmerie tra il maggio e il giugno 1793 e per questo venne distrutta dall'ammiraglio inglese Nelson. Dal giugno 1967 ospita la guarnigione del 2º reggimento paracadutisti della Legione Straniera a Camp Rèmi Raffalli da quando fu spostata da Bou-Sfer in Algeria.
In Place d'Arme, cuore della Cittadella, si trova la caserma di Sampiero, quartier generale della Legione straniera dove è possibile vedere affacciati i legionari con il tipico kepì bianco in testa.
 
 
Calvi è dominata da una cittadella maestosa costruita su uno scoglio, città storica ed una delle località chiave del turismo corso.
Capoluogo della Balagne, è divisa in due zone distinte: da una parte la Marina con l'animata Quai Landry, passeggiata a mare con caffè e ristoranti, sviluppata attorno al porto, dall'altra la Cittadella costituita da stradine e vicoli, arroccata sulla montagna.
 
 
Calvi è la città corsa che rivendica i natali di Cristoforo Colombo. In effetti la sua famiglia ha vissuto qua, ma si dice che poi si sia trasferita a Genova; c'è una lapide che segna il punto dove si dice che sia nato. E' proprio da piazza Cristoforo Colombo che si accede alla Cittadella (ampio parcheggio), parte alta della città edificata tra il 1483 e il 1492 e circondata da 4 bastioni che la cingono in un quadrilatero.
Nella foto l'entrata della Cittadella.
 
 
Calvi inoltre possiede un'ampia baia con una spiaggia di 4 Km protetta da una splendida pineta, con la vista sulle mura della Cittadella che si spingono in mezzo al mare. Da qui partono le escursioni in battello alla scoperta della costa occidentale che si spingono fino alla Riserva naturale di Scandola.
Nella foto la piccola, ma più spettacolare, baia sassosa appena sotto la Cittadella.
 
 
Gastronomia a Calvi
 
Come in tutta la Corsica troviamo tra i prodotti più in uso e ricercati dai turisti la charcuterie corsa (figatellu, coppa, lonzu, presuttu e salame secco)e i formaggi tra i quali spicca il brocciu, formaggio fresco di pecora o capra, a base di latte e latticello. Insignito dal 1998 del marchio DOC, ricorre in numerosi piatti emblematici dell’Isola (omelette au brocciu, beignets de brocciu, canelloni au brocciu). Tra i dessert corsi preferiti dai golosi c'è senza dubbio il fiadone, dolce a base di brocciu e limone. Gustate anche i canistrellis, biscotti secchi profumati al limone, all’anice, alla castagna, al vino... La farina di castagne serve alla preparazione di dolci, pan di spezie e altre torte. Inoltre da non dimenticare la clementina di Corsica, unica clementina francese. Nei ristoranti potrete gustate l’aziminu, una bouillabaisse corsa a base di pesce di roccia oppure le ostriche corse prodotte in Costa Serena nell'alta Corsica. Per quanto riguarda le bevande non potete perdere i vini di Patrimonio o la Pietra, la famosa birra corsa alla castagna. Tra gli altri vini da ricordare troviamo il Vermentino bianco di Balagne (DOC Corse Calvi) per accompagnare un’insalata di polpo, uno Sciaccarello Rosé (DOC Ajaccio) per un tagliere di salumi, o un moscato di Cap Corse (vino dolce naturale) per accompagnare un fiadone.
 
chacuterie corse brocciu
birra corsa Pietra confetture di frutta corsa