Corogli degli sposi - Dolci tipici dell'Argentario

In Italia sono davvero moltissime le usanze legate ai matrimoni. Ma probabilmente soltanto a Porto Santo Stefano, capoluogo dell’Argentario, le nuove unioni venivano qualche anno fa celebrate in modo particolare: la funzione dei confetti, infatti, era affidata a gustosissime ciambelline all’alchermes, i tipici Corogli.

I Corogli erano sempre presenti ai rinfreschi degli sposi che spesso erano l'unico momento per salutare i nuovi conuigi. Proprio così, tra i dolci più tradizionali dell’Argentario ci sono i Corogli degli Sposi, che da oltre due secoli vengono preparati in occasione dei matrimoni in segno di buon augurio. Questi biscottini vengono distribuiti tra le persone care agli sposi, proprio come delle bomboniere ma con la differenza che il numero offerto varia in base al rapporto di parentela e al ruolo che il destinatario ricopre nella vita dei componenti della coppia. Assieme alle partecipazioni, dunque, parenti e conoscenti dei futuri coniugi ricevono un sacchetto contenente le deliziose ciambelle. Tramandata di generazione in generazione, la tradizione legata ai Corogli degli Sposi è rimasta molto viva e sentita tra gli abitanti di Porto Santo Stefano.
Gustosi e genuini, i Corogli degli Sposi trovano nella semplicità del loro aspetto e delle loro caratteristiche il proprio segno distintivo. Come ogni altro biscotto di questo tipo, infatti, si presentano di forma tonda con il tipico foro centrale ma ciò che li caratterizza è la presenza di zucchero ed alchermes in superficie. Ci sono innumerevoli ricette per questi dolcetti: chi li preferisce soffici e delicati chi invece croccanti da inzuppare, anche se i vari forni del paese ne producono comunque tutti i vari tipi. Grazie al loro sapore e alla loro consistenza i Corogli degli Sposi si prestano ad essere consumati in differenti momenti ed occasioni della giornata.
Con un nutriente bicchiere di latte sono un ottimo ingrediente per una buona prima colazione, ma non da meno è servirli in occasione di un piacevole tè pomeridiano o, perché no, a fine pasto, magari accompagnati da un buon bicchiere di vin santo toscano. 

Ecco la ricetta di Franca per ottenere dei Corogli degli Sposi soffici e delicati:
 
Ingredienti 
500g di farina tipo “00”
125g di burro morbido
200g di zucchero
150ml di latte tiepido
2 uova intere
carbonato d’ammonio 7g
un pizzico di sale
 
Preparazione
Lavorate il latte tiepido, il burro morbido e lo zucchero in una ciotola, unite le uova, poi il sale e infine la farina mescolata al carbonato d’ammonio. Impastate il necessario per far amalgamare la farina, quindi lasciate l’impasto nella ciotola a riposare per un’ora almeno al fresco (d’estate utilizzate il frigo per raffreddare il composto). L’impasto è molto morbido, ma non aggiungete farina. Dopo il riposo, rovesciate sul tavolo di lavoro infarinato e tranciate i pezzi di impasto. Con delicatezza, e sempre con il tavolo spolverizzato di farina, date ai pezzi tagliati una forma cilindrica e chiudeteli a ciambellina. Ponete il tutto su teglie con carta forno e cuocete a 220°C per 10 min. circa. Devono appena colorire, ma rimanere sostanzialmente bianche. Quando saranno freddi, spennellate la parte superiore dei biscottini con l’alchermes, attendete qualche secondo che il liquore sia assorbito e quindi passateli nello zucchero (è bene attendere qualche secondo che il liquore asciughi altrimenti anche lo zucchero diventerà rosa). Fate asciugare una mezz’ora all’aria in modo che lo zucchero aderisca alla ciambella senza distaccarsi et voilà, i Corogli degli Sposi sono pronti per essere gustati. Un ultimo consiglio: si conservano molto bene in bustine di cellophane, anzi dopo qualche giorno sono ancora più buone. 

Condividi

Tortino di alici marinate, agrumi, uvetta e pinoli


Tortino di alici marinate, agrumi, uvetta e pinoli
By
Antipasti
Il tortino di alici marinate è un antipasto particolare che crea un forte contrasto di sapori, il risultato vi sorprenderà.
Ingredients
Pulire le alici fresche privandole della spina, aprendole a libro e risciacquandole bene sotto acqua corrente. Preparare il liquido per la marinatura miscelandolo tutti gli ingredienti insieme. Riporre in un contenitore le alici con il liquido di marinatura, il sale e il pepe e lasciare in frigorifero per almeno 8/10 ore. Trascorso il tempo mettere le alici a sgocciolare e asciugarle con l'aiuto di carta da cucina. Prendere gli stampini di alluminio, foderarli con pellicola e rivestire con le alici marinate. Nel frattempo avremo preparato il ripieno composto da parte di alici marinate, agrumi pelati a vivo, uvetta passa ammollata in acqua, pinoli tostati, sale, pepe ed olio ed andremo a riempire gli stampini. A parte preparare una insalatina di rucola, agrumi e olive Taggiasche denocciolate. Con il succo di agrumi rimanente della pelatura a vivo degli stessi preparare un dressing con l'aggiunta di olio extravergine, sale e pepe che servirà per condire il piatto finito. Finitura del piatto Adagiare a centro piatto l'insalatina di rucola, agrumi e olive Taggiasche. Disporre il tortino di alici sopra la rucola, qualche pezzetto di agrumi, pinoli tostati e uvetta intorno al piatto e terminare con un giro di dressing agli agrumi.
Prep time:
Cook time:
Total time:
Yield: 1 tortino (1 persona)
antipasto tortino alici agrodolce